ACCEDI
Via Stiria, 45 – Centro Partigross - 33100 Udine (UD)
Via Stiria, 45 – Centro Partigross - 33100 Udine (UD)

Quando si pensa al TURISMO la maggior parte delle persone immagina una vacanza in un’isola rifugio, un bellissimo vigneto o una passeggiata in montagna, un resort sul lago o un villaggio al mare; pochi sono coloro che pensano al turismo come possibilità di guadagno a lungo termine, come INVESTIMENTO ALTERNATIVO.

L’industria del turismo è sempre stato in netta crescita e non solo nei paesi in via di sviluppo; il suo contributo globale al PIL mondiale, prima della pandemia, è cresciuto smisuratamente e gli osservatori finanziari attestano che il credito al consumo per finanziare una vacanza, una crociera, un viaggio organizzato è uno strumento altrettanto in crescita.

Già da soli questi numeri sarebbero sufficienti a far capire perché, anche in un momento di difficoltà economica dovuta alla pandemia COVID19, conviene investire nel turismo. Se a questo si aggiunge anche il fatto che è “intelligente” investire quando il mercato di riferimento è in calo/crisi, … allora il dado è tratto!

Parecchi si chiedono: ma investire nel turismo in Italia può essere ancora vantaggioso?

Investire sul turismo nel nostro paese ha ancora senso, sia perché i dati lo confermano anche in un periodo di crisi e sia perché c’è ancora tanto da fare per finanziare la ripresa e preservare questa risorsa economica. L’industria turistica italiana infatti è sempre stata la seconda industria per PIL prodotto.

Non dimentichiamoci mai che l’Italia presenta 7.000 specie di vegetali commestibili (il 2° Stato al mondo è il Brasile con 3.600 specie), 58.000 specie di animali (il secondo stato al mondo è la Cina con 20.000 specie), 1.200 vitigni autoctoni (il secondo stato al mondo è la Francia con 222 vitigni), 533 tipologie di ulivi (il secondo paese al mondo è la Spagna che ne vanta solo 70), 140 tipi di grano duro (il secondo paese al mondo è l’America che ne conta solo 6).

L’ITALIA è il paese più biodiverso al mondo, con più etnie di ogni altro Stato e con alle spalle il 1° grande Impero mondiale, con una posizione geografica unica al mondo.

L’emergenza sanitaria, con tutte le conseguenze che ne sono derivate, restrizioni e chiusure obbligatorie, ha contribuito a creare uno scenario a dir poco catastrofico contemplando impropriamente parecchi operatori commerciali (titolari di negozi e attività commerciali varie) nel settore turistico/ricettivo, ma così in effetti non è e lo dimostrano i dati di luglio e agosto che hanno fatto registrare il tutto esaurito nelle zone turistiche e nelle città d’arte.

Tutto questo a dimostrazione che non appena se ne presenta l’opportunità, tutti partono anche solo per una breve vacanza!

Gli investimenti turistici sono frutto di un progetto turistico e di opportunità di mercato; opportunità che devono essere attentamente analizzate per comprendere la profittabilità del business e giustificare l’investimento.

Le opportunità di business nel turismo possono infatti nascere dallo sviluppo di attività turistiche innovative e trend di mercato, oppure dal miglioramento o ammodernamento di attività turistiche già esistenti. Tuttavia le fasi di analisi interne ed esterne servono appunto per definire i vantaggi competitivi, ed è questo che rende un investimento nel turismo appetibile e di buone prospettive.

Il Governo, i Comuni e le Regioni dovrebbero smetterla di pensare al turismo come il settore da tassare e tartassare, ma lo devono considerare come un settore che può tranquillamente raggiungere il 20% del PIL e contribuire a risolvere il problema occupazionale di chi non ha conseguito studi in informatica o medicina

Le piattaforme di CROWDFUNDING possono rappresentare un importante contributo se si desidera investire in questo settore.

Il CROWFUNDING è dunque un’opportunità da non sottovalutare, proprio per la quantità di persone e risorse che può destinare a dei progetti turistici di valore per il turismo.

Se si ha un’idea imprenditoriale e la si vuole trasformare in realtà, si puoi sfruttare questa nuova forma di finanza alternativa, sicuramente più abbordabile rispetto a quanto offrono le società finanziarie o gli istituti di credito.

Investire nel turismo significa, quindi, guardare al futuro, con la consapevolezza che non solo che si sta partecipando allo sviluppo economico del proprio paese, ma anche che si sta realizzando una fonte di reddito per il futuro.

Post Author: info@extrarete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.